Hai votato il cambiamento? Hai sbagliato!

Diego in consiglioNella foto il nostro Portavoce, Diego Dimalta, in Consiglio Comunale

È questa l’unica verità e noi te l’abbiamo detta già da prima delle elezioni.
Abbiamo ripetuto fino allo stremo che il buon Paolo Micheli, per quanto volenteroso, alla fine avrebbe potuto fare poco contro la forza (specie in consiglio) del PD, e ieri ne abbiamo avuto la certezza.
Difatti, il consiglio comunale aveva davvero la possibilità di andare verso il cambiamento ma non l’ha fatto, ed è un peccato per tutti. Eh già, perché come è noto, nella seduta di ieri 13/07/2015, il consiglio ha votato il proprio presidente e il vice presidente. In particolare, questa seconda carica, per regolamento, deve essere attribuita a un soggetto appartenente alla minoranza, vale a dire, nel nostro caso: Lega, FI (et simila) e M5S.
Ora, secondo voi, la coalizione del cambiamento (quelli che hanno copiato il programma pari pari dal nostro) seguendo una buona logica, a chi avrebbe dovuto dare la preferenza? Avrebbe dovuto votare l’affine M5S oppure i “tanto odiati cattivi” di Forza Italia contro cui hanno passato mesi a dire peste e corna?
Ecco, risposta sbagliata, hanno votato Forza Italia. Il motivo? Semplice: ci pisciano in testa e dicono che piove. Ci dicono che vogliono il ricambio, che odiano la destra eccetera, eccetera… ma poi, alla fine, va tutto a tarallucci e vino, come sempre.
Il Movimento ha tantissimi punti in comune con il programma di Segrate Nostra ed è l’unica forza realmente imparziale all’interno del consiglio.
Per questa maggioranza, non votare il M5S alla vice presidenza del consiglio è un chiaro segnale che NON si vuole voltare pagina.

SEGNATEVELO su un post-it o sul calendario, rileggete questo post ogni tanto e tra cinque anni fate la cosa giusta, voltate pagina davvero.
Vi dicono che vogliono il cambiamento ma, quando questo cambiamento è realmente possibile, se ne fregano e danno il voto a chi per anni ha cementificato Segrate, cioè allo stesso gruppo che voleva asfaltare il Golfo Agricolo.
E la medesima dinamica si è vista con la commissione asili nido, dove la brava Achilli è stata surclassata dalla candidata del PD (la commissione è un pozzo di voti, figurati se la lasciavano a Segrate Nostra).
Cari concittadini, volevate il cambiamento? Beh, a meno che non siate tra quei 1022 che hanno messo la crocetta sul logo cinque stelle, avete fatto la scelta sbagliata.
Il PD (quello dei circa 150 arresti in pochi mesi, quello di De Luca alla presidenza della regione Campania, quello dei candidati impresentabili, di Penati e compagnia bella) governa Segrate e di fatto, con i suoi 9 consiglieri, farà il bello e il cattivo gioco, come ha sempre fatto, in combutta con gli amici cementificatori e, purtroppo, la verità – seppur dolorosa – è che se cercate un colpevole non avete che da guardarvi allo specchio.
P.S.: Ora non resta che attendere cosa deciderà il PD per la commissione bilancio. Chi rappresenterà questa volta il “cambiamento” nella distorta versione della nostra maggioranza?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...