V DAY 3: #OLTRE

V Day 3

Ieri, a Genova, si è tenuto il terzo V Day.

E’ stato un V Day diverso dai precedenti. Niente raccolta di firme, niente banchetti e niente (o quasi) polemica. Siamo andati OLTRE.

La levataccia è stata davvero difficile, lo ammetto. Quando la sveglia ha suonato (ore 06.00 a.m.) e le lancette sovrapposte dell’orologio segnavano quella che normalmente è l’ora del cocktail, non volevo crederci… Ma ne è valsa la pena. Andiamo OLTRE.

Ritrovo in P.za Duca D’Aosta ore 7.00 dove ad aspettarci troviamo un centinaio di persone come noi. Sveglie alle sette di domenica per seguire un’idea, un progetto. Fa freddo, molto freddo ed è ancora buio. Ma noi andiamo OLTRE.

Appena arriviamo a Genova veniamo come abbracciati da questa piazza enorme, gremita di persone sorridenti. Noi, come prima cosa, ci fermiamo a mangiare focacce e a bere birra, come ad una normale festa di paese; ma questa non è una festa normale. Pochi istanti dopo compaiono i nostri parlamentari-portavoce. Sono ragazzi come noi. Hanno la faccia pulita e lo sguardo di chi sa di avere un grosso peso sulle spalle. Il peso di ricostruire una nazione, di farci cambiare pagina, di andare OLTRE.

I ragazzi iniziano uno alla volta a parlare delle loro attività, ma passa poco tempo prima che ci si accorga che lo spazio nel tendone allestito per la conferenza non è sufficiente ad accogliere tutti i visitatori e, così, Alessandro Di Battista propone di andare a sederci tutti in piazza. Occorre ribadirlo, i nostri parlamentari propongono di sedersi per terra in piazza. Andiamo OLTRE, anche nelle piccole cose.

I portavoce parlano e raccontano di tutte le cose straordinarie fatte in questi sei mesi. Si parla di proposte di legge, di obiettivi raggiunti di opposizioni fatte. Si parla di ecologia, di tutela del suolo, di qualità della vita. Si parla di grandi idee.

Io e Patrizia ci allontaniamo un attimo e facciamo casualmente conoscenza con i famigliari di uno dei nostri parlamentari. Anche loro, vanno OLTRE e non si limitano a salutarci cordialmente ma intavolano con noi delle discussioni, si confrontano con noi su molti temi e lo fanno con un calore che è difficile da spiegare… E’ stato come parlare con dei miei parenti. Chissà se potrei parlare allo stesso modo con i figli di un qualsiasi deputato del “partito unico”. Anche in questo noi andiamo OLTRE.

Incontro Roberto Fico e lo ringrazio per tutto quello che sta facendo. Incontro Vito Crimi e lo “obbligo” a fare una foto con me. I nostri portavoce camminano tra la folla senza body guard e senza portaborse o leccapiedi. Sono tutti gentilissimi e non negano una foto o uno scambio di opinioni a nessuno.

Poco dopo inizia a parlare Grillo ed è qui che davvero si volta pagina rispetto al passato. Niente (o quasi) parolacce. Niente riferimenti ad una certa persona condannata in terzo grado (non lo nomina nemmeno una volta). Niente critiche. Solo proposte. Sette, per l’esattezza; realizzabili anche domani (date un occhio al video sotto). Le chiama “proposte modeste”, io invece le avrei chiamate proposte per andare OLTRE.

Ma quest’anno andare OLTRE significa anche superare i confini nazionali e, così, gran parte degli interventi vengono fatti da persone straniere che ci raccontano di come il mondo stia guardando il MoVimento e stia cercando di esportarlo dall’Italia per poterlo replicare negli USA, nei paesi scandinavi e in altre parti del mondo. Si parla di un mondo senza rifiuti, di un mondo che non sia guidato e schiacciato dalla finanza

Sembrano solo sogni, ma diamine, le persone che ne hanno parlato hanno anche spiegato come realizzare CONCRETAMENTE questi sogni. Non si sono limitati a proclami elettorali, ma hanno elencato passo per passo le attività necessarie per raggiungere i loro scopi e realizzare quei sogni che altri non vogliono farci nemmeno conoscere. Anche questo è andare OLTRE.

Finito tutto siamo tornati a casa e anche se eravamo fisicamente distrutti avevamo una carica di spirito che non ci faceva smettere di pensare e di parlare dell’esperienza fatta.

Oggi, in molti mi hanno chiesto com’è andata la giornata di ieri… Purtroppo io non sono una persona di molte parole e non sono nemmeno troppo elegante e, quindi, mi sono limitato ad un semplice “figata!” anche se, forse, sarebbe stato più opportuno rispondere dicendo che la giornata di ieri è stata OLTRE.

Diego Dimalta

P.S.: Un grazie a tutti i compagni di viaggio ed in particolare alla famiglia di amici che abbiamo conosciuto. Grazie a Patrizia, Cristina, Sara, Alberto, Gabriele, Osvaldo e Paolo e a chi era con noi via streaming. Andiamo OLTRE.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...